“Una poesia fa primavera”, il motto del 21 marzo 2010

P come primavera, poesia e popoli. Versi e rime di tutto il mondo festeggiano la loro leggerezza alle porte della stagione più effimera. Siano essi sonetti, ballate o haiku, si celebrano indistintamente domenica prossima 21 marzo, nella giornata in cui il Sole incrocia l’equatore terrestre.

“Le più belle poesie si scrivono sopra le pietre coi ginocchi piagati e le menti aguzzate dal mistero”. Così la poetessa dei Navigli Alda Merini evocava lo sforzo del compositore di versi, in una delle sue più belle ballate (“La terra santa”, 1984). E’ in suo onore, in onore dell’artista nata proprio il 21 marzo del 1931, che sono programmati in tutta Italia una serie di incontri o spettacoli. Un modo per festeggiare il suo compleanno, ma soprattutto per ricordare il contributo letterario dell’artista recentemente scomparsa, decantata da artisti come Roberto Vecchioni, Valentina Cortese, Milva e Giovanni Nuti. Se oggi la poesia per molti giovani è solo qualcosa dal sapore antico, leggere la Merini può aiutare a capire che nei versi può essere dipinta anche la contemporaneità.

Sul territorio sono tante le iniziative per la giornata mondiale della poesia promossa dall’Unesco: rapsodie, performance e passeggiate poetiche, meeting letterari, performance artistiche, e così via. Tra le location più evocative la casa di Salvatore Quasimodo a modica, le strade del Carducci a Livorno dove prese vita “San Martino”, l’Oltrepo pavese e così via.

Tutte le iniziative che si terranno in Italia quel giorno

Il blog che regala una poesia al giorno

Segui l’iniziativa della carovana dei versi